ISLANDA IN CAMPER ESTATE 2018

GABRIELE SALUCI

Ok. Il piano è questo… più o meno.

PREZZO

Per info e prenotazione  franco@72parallelo.com

}

DURATA

9 notti e 10 giorni

PERIODO

dal 20 al 29 Maggio;
dal 30 Maggio al 8 Giugno;
dal 9 al 11 Giugno
dal 14 al 23 Giugno e così via fino al 15 Settembre.

Giorno 1
Arriveremo in terra islandese e ci sposteremo in direzione di Reykjavik per fare le provviste necessarie. Passeremo il pomeriggio a mollo in una piscina naturale e dopodiché raggiungeremo una zona tranquilla verso est per dormire in riva al mare.

iceland-1751463_640

Giorno 2
Dopo la sveglia e la colazione ci sposteremo verso il Circolo d’Oro, la zona più vicina alla Capitale, regno dei turisti e delle attrazioni più famose.
Visiteremo Gullfoss, la cascata più grande d’Islanda; Thingvellir il parco Nazionale e sito dove si separa la placca Americana da quella Europea; Geysir e passeremo il resto della giornata a mollo in alcune piscine naturali spettacolari.

Giorno 3
Dopo la sveglia percorreremo qualche chilometro fino ad arrivare a Seljalandsfoss, la cascata tra le più belle del Sud in cui è possibile passeggiare dietro il getto d’acqua. Dopo esserci bagnati a sufficienza ci rimetteremo in marcia verso Est, fino ad arrivare a Skogafoss, la cascata che spezza la collina. Mentre pranzeremo, dalla finestra della nostra “sala da pranzo”, ammireremo la cascata. Di pomeriggio ci rimetteremo in marcia fino ad arrivare in un luogo non ben identificato per iniziare una bella camminata che ci porterà attraverso un deserto fino ad arrivare alla carcassa di un aereo precipitato; lì dove l’atmosfera è surreale. Faremo un salto a Dyrholaey dove ci sono delle scogliere meravigliose e una spiaggia a perdita d’occhio che arriva fino a Vik. Dormiremo da qualche parte lì vicino.

Giorno 4
La prossima tappa è quella spiaggia nera che termina con delle formazioni di basalto colonnare e i faraglioni. L’oceano da queste parti la fa da padrona e col bel tempo il contrasto tra la sabbia nera, l’acqua e il cielo è indescrivibile. Dopo aver visto tutto quello che c’è da vedere, continueremo verso Est. Visiteremo alcune cose fantastiche dai nomi impronunciabili e attraverseremo per intero la Valle degli Elfi. Faremo tappa a Kirjubaerjarlklaustur (o in qualsiasi modo si scriva) e di pomeriggio raggiungeremo la base del Vatnajokull, il ghiacciaio più grande d’Islanda e tra i 3 più grandi al mondo. Il nostro obiettivo è di raggiungere il parco Skaftafell e la sommità di una collina. Il nostro trekking non-tecnico (e adatto a tutti senza preparazione) ci porterà proprio sopra la lingua di uno vero ghiacciaio e la visione sarà magica; più o meno magica così:

Lungo la strada faremo tappa in altre lingue dei ghiacciai e di sera arriveremo a Jokulsarlon. Da queste parti si è formata una la laguna a causa dello scioglimento di una delle lingue del Vatnajokull dove dei pezzi enormi di ghiaccio galleggiano e navigano nel lago. Tra gli iceberg che a volte si spezzano, si capovolgono e si scontrano, nuotano allegre le foche. E noi dormiremo proprio lì, e saremo gli unici a poterlo fare perché non ci sono alberghi né guest-house, solo chi ha un camper può farlo. E vi prometto che sarà la notte più magica della vostra vita.

Giorno 5
Ci sveglieremo a Jokulsarlon. Dalle finestre delle nostre camera da letto si vedrà questo e non ditemi che è la cosa più bella del mondo:

Dopo aver ripreso la lucidità persa a causa di questo spettacolo, passeremo la giornata a guidare verso Est, fermandoci lungo i fiordi e facendo qualche bagno in altre piscine naturali.
Guideremo a zig-zag tra i fiordi immersi nel panorama mozzafiato di una delle zone meno trafficate e più belle d’Islanda, dopo aver lasciato la zona turistica dietro di noi. Passeremo la giornata lungo tutti i fiordi dell’Est e dormiremo da qualche parte in riva al mare.

Giorno 6
Arrivati a Myvatn, la zona dei laghi vulcanici, faremo un giro alla scoperta di numerosi fenomeni geologici, delle grotte laviche e delle piscine del “Trono di Spade” dove succede qualcosa di importante a livello narrativo, ma io non so perché non ho visto la serie. Passeremo il pomeriggio e la serata a mollo nelle terme più belle d’Islanda, dove ti servono anche la birra in acqua. Cotti a puntino dormiremo nella zona del lago.

Giorno 7
La mattina visiteremo la zona geotermica circostante al lago e proveremo ad arrivare al Viti, il lago vulcanico dai colori fenomenali. Dopo aver visitato la zona del lago Myvatn, ci sposteremo verso Ovest, dato che siamo a metà del giro. Lungo la strada per Akureyri, ci fermeremo a Godafoss, la Cascata degli Dei e poi ci sposteremo nella seconda città più grande del nord d’Islanda, che conta ben 17.000 abitanti.
Avremo la possibilità di passare il pomeriggio in una Spa unica al mondo. Sì, staremo a mollo in vasche piene di birra (vedi paragrafo attività extra), proprio immersi nella birra.
Dormire in un fiordo in riva al mare in attesa della sorpresa del giorno dopo. Ah, nel fiordo in cui dormiremo nuotano tantissime balene e le potremo vedere dalla finestra del nostro camper mentre andremo a dormire 🙂 hai mai dormito vicino a delle balene?

Giorno 8
Ci svegliamo nello stesso posto in cui siamo andati a dormire (ovviamente) e oltre a essere un posto speciale per le balene, da queste parti sarà possibile fare immersioni e snorkeling con le balene. Nuotare con le balene è un’attività straordinaria riservata a pochissimi; bisogna conoscere le persone autorizzate e sono solo due in tutta l’Islanda. Normalmente le balene si vedono da barche enormi e da lontano, ma noi ci potremo nuotare insieme e per questo saremo speciali.
Dopo una mattinata così, ci tocca riposare. E il modo migliore per riposare è mettersi in marcia verso Ovest. Arriveremo nei pressi di una pozza naturale libera e calda, proprio lungo un fiume e passeremo la notte in un fiordo.

Giorno 9
Passeremo la mattinata guidando verso Reykjavik e nel pomeriggio scopriremo la minuscola Capitale. Possiamo scegliere se passare tutta la serata in città oppure spostarci alla Blue Lagoon: la stazione termale più famosa del mondo per un bagno e relax a mollo nell’acqua calda geotermica. In ogni caso torneremo a dormire nella penisola dell’aeroporto, così da essere pronti per l’indomani.

Giorno 10
Di mattina un volo che ci riporterà alla realtà, assonnati e rattristati dal fatto il viaggio si sia concluso così velocemente, ma con un sacco di bei ricordi nel cuore.

 

Per info e prenotazione  franco@72parallelo.com

SUPER VARIANTE!! Arriveremo in Islanda via nave. (e questa sarà la cosa più bella del mondo).

La prima e l’ultima partenza saranno speciali (dal 15 Maggio al 24 Maggio e da inizio a metà Settembre). Partiremo da Torino/Milano, attraverseremo in tre di giorni l’Europa Centrale, fino al Nord della Danimarca, ci imbarcheremo verso l’Islanda.
Lungo la navigazione, faremo uno scalo di 7 giorni alle isole Faroe che gireremo in lungo e in largo; arriveremo in Islanda e gireremo il Sud del Paese (indicativamente i primi giorni del programma totale Islanda). Dopodiché torneremo in Italia in aereo. Sono sicuro che questa sarà un’avventura epica e un ottimo modo per raggiungere l’Islanda.
L’ultima partenza farà la stessa cosa, solo che al contrario, arrivando in Islanda in aereo e tornando in nave.


Ho cercato di scrivere questo programma nel miglior modo possibile, cercando di condividere la bellezza e l’entusiasmo che questa terra regala, ma mi sono reso conto rileggendo che dal vivo è tutto molto, molto più figo. Almeno 1000 volte più figo.


L’ordine del programma è puramente indicativo perché viaggiando in camper avremo libertà totale e ci sposteremo in base al meteo, in base alla nostra voglia di stare più o meno tempo in un posto ecc. Completa libertà.
Sarà tutto a nostra discrezione e piacere, ma durante i nostri 2000Km vedremo quanto descritto. Il tour è ricco di punti interessanti e nella descrizione mi sono limitato a illustrare l’itinerario, senza entrare nel dettaglio altrimenti questo articolo non sarebbe finito più. Sappiate solo che lungo la strada ci sarà tanto altro e che anche la sola strada è bella e ci fermeremo spesso in pozze naturali, libere e nascoste, per fare il bagno nella natura. Dormiremo ogni giorno in un posto diverso, tipo: laghi, campi lavici, sui fiordi, sotto ai ghiacciai e nei posti migliori che l’Islanda può offrire.
Il viaggio non è impegnativo e faremo una media di 100km al giorno; avremo tanto tempo da dedicare alle visite, tanto tempo all’aria aperta e faremo un sacco di bagni nelle pozze termali. Ovviamente andiamo lì anche per provare la cucina locale e le chicche tipo lo squalo putrefatto. Mangeremo tanti hot dog perché gli hot dog islandesi sono i più buoni del mondo.

 

SCRIVI E PARTI

11 + 8 =